LA MANUTENZIONE DEL TUO TALENTO

LA MANUTENZIONE DEL TUO TALENTO

Abbiamo la responsabilità delle nostre risorse, delle relazioni che frequentiamo e delle persone di cui ci nutriamo. Fra parole, attitudini, vita quotidiana, possiamo sbocciare attraverso il nostro talento o vivere situazioni che lo comprimono, che ci comprimono.

 

Le scelte che abitiamo quotidianamente fanno la differenza. Non basta saperlo, ma praticare uno stato di presenza permanente di fronte a se stess*.

 

Nella seconda parte del mio libro “La misura del talento” ho elencato una serie di attitudini utili a praticare una buona manutenzione del tuo talento. Ebbene sì, anche il tuo talento necessita di una costante manutenzione. Ho scelto questa parola, “manutenzione” perchè ti possa arrivare una sensazione molto pratica dell’uso delle tue risorse.

 

Manutenzione significa “mantenere”.  Che cosa, nello specifico? Mantenere la tua attenzione, il tuo intento, mantenere la rotta, l’impegno verso sè stess*. Mantenere uno stato di grazia mentre ti vivi: ecco quello che hai da fare. Ma non è sempre semplice, perchè attorno molte incombenze spostano e minano il nostro equilibrio interiore.

 

ALCUNE BUONE PRATICHE

Connessione

Creando connessione con il tuo corpo sei in costante comunione con il creato. Se non abiti il tuo corpo con rispetto e dedizione stai rischiando di compromettere l’unico punto per il quale passa la vita.

 

Coltivare gentilezza

Non siamo padroni del mondo, al contempo viviamo più che mai nell’epoca dell’ego, dell’arroganza, della competizione sfrenata, Trova il modo di appoggiare la gentilezza al tuo fare, al tuo stare in relazione. Abbiamo bisogno l’uno dell’altra, siamo in realtà esseri molto fragili. Le nostre stesse fragilità, molto più della forza, sono il viatico dei doni che possediamo.

 

Dominio di sè

Impara l’arte più difficile. “Dominio delle tue emozioni  e delle tue azioni” non significa uso smodato della razionalità. Il dominio è disciplina, saper restare calmi quando sul lavoro o nelle relazioni le cose non vanno come vuoi tu. Se ad esempio riesci a dominare l’impazienza di fronte a chi ti starà facendo perdere tempo avrai allenato la calma per il tuo viaggio, presente e futuro.

 

Pensare con la propria testa

Se pensiamo ai grandi della letteratura del Novecento o comunque a quei personaggi tanto citati, da Einstein a Schopenhauer, da Goethe a Jung possiamo riflettere su come nessuno di essi avrebbe usato le parole di altri per condividere il proprio sentire o il proprio pensare.

 

Non scollarsi dal talento

“L’organismo talento” è in ogni tua cellula. Tu non “hai” un talento, tu lo sei. Egli è come il sangue che ti scorre nelle vene. Ti riempie, ti comunica attraverso la pelle e altrettanto fa quando ti dirigi verso il mondo. Allìneati allora sempre il più possibile con la tua natura. Scopri quali sono le abitudini migliori per te e fissa i tuoi punti noti. I punti noti sono le cose che ti rappresentano al meglio.

 

Condurre una vita selvatica

È importante per la tua mente, per il tuo corpo e per tutto il tuo talento. Cerca un paesaggio nuovo che possa ristorare la tua anima. Non aspettare di avere tempo per farlo: crea tu le condizioni.

 

La misura del Talento

Puoi acquistare il libro qui.

Puoi ordinarlo anche da me, senza il costo delle spese di spedizione. Pescherò inoltre una carta del talento per te e trascriverò il suo messaggio sul libro. Si tratta di un suggerimento utile per il tuo cammino.

 

Percorsi

Liberi percorsi di Talenti – Counseling – Mi oriento

info: giugi@giuliascandolara.com

WhatsApp 3275304126